Psicologo Tarasi a Varese

  • Servizio di ascolto, Servizio di Consulenza;
  • Sostegno psicologico, Consulenza terapeutica;
  • Psicodiagnostica Rorschach.

Durante la mia attività di sostegno psicologico e consulenza, accolgo nel mio studio, giornalmente,  persone che manifestano difficoltà nella loro vita perchè soffrono di difficoltà relazionali.

Cosa sono i disturbi relazionali?

Si può definire un disturbo relazionale come un modello persistente e doloroso di sentimenti, comportamenti e percezioni che coinvolgono due o più partner in un’importante relazione personale.
Il disturbo relazionale è stato proposto per l’inclusione nella quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’American Psychiatric Association (DSM-V); è una deviazione dalle altre condizioni incluse nelle precedenti edizioni, in quanto il disturbo non è definito dagli individui, ma piuttosto dal collegamento ad una entità patologica associata o dall’interazione tra di essi – cioè, la relazione stessa è disfunzionale. È molto importante sottolineare che, in un disturbo relazionale, la relazione stessa è il problema e non le persone coinvolte. Il problema è nel modo in cui si relazionano tra loro che risulta patologico.

Cause del disturbo relazionale.

Una delle cause più significative dei disturbi della salute mentale sono le relazioni malsane. Inoltre, la maggior parte delle persone in cerca di aiuto per problemi psicologici confermano di non avere relazioni stabili e di supporto. Identificando un disturbo relazionale, un terapeuta può essere in grado di aiutare le persone coinvolte nella relazione ad evitare futuri problemi di salute mentale.

I problemi relazionali meritano attenzione clinica perché, una volta iniziati, tendono ad essere perpetranti e cronici e sono spesso contemporanei o seguiti da altri problemi gravi, come i sintomi depressivi in soggetti più vulnerabili o portare a separazioni (ad es. divorzio). 

Possono essere diagnosticati in presenza o in assenza di disturbi mentali individuali. In alcuni casi, i problemi relazionali possono interagire con le vulnerabilità genetiche nel contribuire allo sviluppo di una psicopatologia.
Il disturbo relazionale viene considerato allo stesso modo di un disturbo psicologico individuale che presenta sintomi comportamentali ed emotivi. Questi sintomi patologici disturbano la vita delle persone coinvolte nella relazione e possono portare alla distruzione della relazione.

Come si manifestano i disturbi relazionali?

• Conflitti ricorrenti nella relazione che causano preoccupazione o stress per l’uno o l’altro e che provocano disfunzioni nella vita quotidiana.
• Mancanza di comunicazione tra individui che causa rabbia o frustrazione.
• Comunicazioni inadeguate tra individui tra cui critiche, ritiro o aspettative non realistiche.
• Evitamento di un individuo per prevenirne il contatto personale.
• Iperprotettivita’ o coinvolgimento eccessivo nella vita dell’altro.
• Disprezzo manifesto per un altro individuo, litigiosità eccessiva, discussioni o gelosia.

Quali sono i sintomi del disturbo relazionale?

• Stress legato a separazioni.
• Sintomi dolorosi derivanti da abbandono, violenza, abuso o evitamento da parte di un’altra persona importante come tra genitore e figlio, tra fratelli, coniugi o partner.
• Maggiore irritabilità, insonnia, ansia, depressione e / o astinenza sociale.
• Bassi livelli di energia, depressione e astinenza per problemi di relazione.
• Sospettosita’ eccessiva o mancanza di fiducia all’interno della relazione

Esiste molta letteratura scientifica che collega le relazioni intime degli adulti a problematiche di salute mentale. Esistono correlazioni documentate tra i processi relazionali e l’eziologia, il mantenimento, la ricaduta e il trattamento ottimale di molti disturbi.

L’insoddisfazione personale dovuta a relazioni con persone significativamente importanti prevede un aumento del rischio di un episodio depressivo maggiore. Sia l’alta conflittualità all’interno di una relazione sia l’abuso fisico prevedono successivamente un aumento dei sintomi depressivi tra le donne. Di conseguenza, il disturbo nelle relazioni è la chiave per comprendere l’eziologia dei sintomi depressivi per molti individui.

Bibliografia:

American Psychiatric Association. (2005). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (5th ed.). Washington, D.C.
Denton, W. H. (2007). Issues for DSM-V: relational diagnosis: An essential component of biopsychosocial assessment. ”American Journal of Psychiatry.
Peterson, K. S. (n.d). Troublesome friendship or a relational disorder? USA Today.
Heyman, R. E., Smith Slep, A. M., Beach, S. R., Wamboldt, M. Z., Kaslow, N. J., & Reiss, D. (2009). Relationship problems and the DSM:needed improvements and suggested solutions. World psychiatry : official journal of the World Psychiatric Association (WPA), 8(1), 7–14.

Contattami ora per prenotare la tua consulenza se soffri di difficoltà relazionali. Ricevo nel mio studio in pieno centro Varese. 

 

Contatti

Lo studio

Piazza Giovine Italia, 4
21100 Varese

Invia una email

Reperibilità

Lun-Sab: 8- 18

Scrivimi

Non esitare a contattarmi per ricevere qualsiasi informazione, sarò lieto di rispondere alle tue domande.