Psicologo Tarasi a Varese

  • Servizio di ascolto, Servizio di Consulenza;
  • Sostegno psicologico, Consulenza terapeutica;
  • Psicodiagnostica Rorschach.

Durante la mia attività di sostegno psicologico e consulenza, accolo nel mio studio, giornalmente,  persone che manifestano difficoltà nella loro vita perchè soffrono di un disturbo di personalità. 

Che cos’è un disturbo di personalità?

I disturbi della personalità sono caratterizzati da problemi significativi nell’autovalutazione e nell’autoregolazione e da relazioni interpersonali compromesse.  Un Disturbo di Personalità, spesso si manifesta in combinazione con altri disturbi mentali, rendendo i Disturbi di Personalità tra i disturbi più comuni riscontrati dai professionisti della salute mentale.

Nella sezione principale del DSM-5, un Disturbo di Personalità è definito come “un modello duraturo di esperienza e comportamento interiori che si discosta marcatamente dalle aspettative della cultura dell’individuo, è pervasivo  e poco flessibile, ha un esordio nell’adolescenza o nella prima età adulta, è stabile nel tempo e porta a disagio o compromissione ”(DSM-5, p. 645).  Il modello si manifesta in due o più delle seguenti aree: cognizione, affettività, funzionamento interpersonale e controllo degli impulsi.
I Disturbi della personalità sono caratterizzati da menomazioni nel funzionamento della personalità, comprese le aree di identità, auto-direzionalità, empatia e intimità, e dalla presenza di tratti patologici della personalità (DSM-5, p. 761)  .  Le alterazioni nel funzionamento della personalità hanno dimostrato di essere caratteristiche fondamentali della psicopatologia della personalità e di identificare accuratamente i Disturbi della Personalità, aiutando così nella discriminazione dei Disturbi della Personalità da altri tipi di disturbi mentali.  I tratti patologici della personalità descrivono la miriade di manifestazioni  della patologia della personalità.

Come si manifesta un disturbo di personalità?

Le manifestazioni della patologia della personalità, secondo uno dei modelli DSM-5 sopra descritti, sono relativamente pervasive, nel senso che sono manifeste in una vasta gamma di contesti e situazioni, non solo in una situazione particolare o con una determinata persona.  Il Modello del DSM-5, descrive i Disturbi della personalità come “relativamente stabili” piuttosto che semplicemente “stabili” ,  perché la ricerca longitudinale ha dimostrato che i Disturbi della Personalità cambiano nel tempo e hanno un decorso clinico  che tende al miglioramento o alla remissione.
Sono state identificate due grandi dimensioni, o “spettri”, denominate “internalizzazione” e “esternalizzazione” dei Disturbi di personalità che comprendono un gran numero di disturbi mentali non psicotici.  In poche parole, il processo di interiorizzazione coinvolge l’individuo che esprime problemi attraverso sentimenti e comportamenti negativi diretti a se stesso e include, ad esempio, sintomi di depressione e ansia.  Al contrario, l’esternalizzazione coinvolge l’individuo che esprime problemi attraverso sentimenti e comportamenti negativi diretti verso altre persone o cose nell’ambiente e includono sintomi di aggressività, violenza e sfida. 

Una classificazione dei problemi mentali basata su metodi empirici può includere sia i sintomi – forme di psicopatologia relativamente transitorie – sia tratti di personalità disadattivi che si ritiene costituiscano il nucleo stabile di molti disturbi mentali.

Quali sono i disturbi di personalità?

Il DSM-5 elenca 10 disturbi della personalità che sono:

Il disturbo borderline di personalità è definito come “un modello di instabilità nelle relazioni interpersonali, nell’immagine di sé, negli affetti ed in una marcata impulsività”, afferma il DSM. Non solo questi individui mancano di un solido senso di identità, ma hanno difficoltà a formare e mantenere relazioni. Disturbo paranoide di personalità: l’individuo con questo disturbo mostra sfiducia nei confronti degli altri che in genere inizia dalla prima età adulta. Oltre ai ricorrenti sospetti, la persona potrebbe leggere significati nascosti può sospettare che gli altri possano ingannarli”. Il DSM definisce il disturbo come “un modello di sfiducia e sospettosità tale che i motivi altrui siano interpretati come malevoli”.
L’individuo che soffre di disturbo paranoico della personalità sperimenta “un sentimento di’ sospettosita’ senza una base oggettiva o sufficiente”, inoltre, può leggere significati negativi in commenti in realtà innocenti. Disturbo schizoide di personalità: caratterizzato da un modello pervasivo di distacco dalle relazioni sociali e una gamma ristretta di espressione delle emozioni in contesti interpersonali ”.  Gli individui con disturbo schizoide della personalità hanno poco desiderio di relazioni sociali e di conseguenza sono molto socialmente isolati.  Preferiscono attività solitarie, si divertono in poche attività e hanno poco interesse a fare esperienze sessuali con un’altra persona. Il disturbo schizotipico della personalità è caratterizzato da un modello di difficoltà relazionali accompagnato da distorsioni cognitive e percettive e comportamenti eccentrici. L’individuo può essere superstizioso e avere credenze magiche o idee strane e insolite che influenzano il loro comportamento, come idee sulla chiaroveggenza o sulla telepatia, che possono risultare disfunzionali. Disturbo antisociale della personalità: questo disturbo comporta un modello di comportamento che è contrassegnato dall’inosservanza e dalla violazione dei diritti degli altri. Queste persone spesso non riescono a conformarsi alle norme sociali, il che può comportare arresti ricorrenti e comportamenti criminali. Con un disturbo istrionico della personalità, la persona mostra uno schema di comportamenti di ricerca di attenzione, che può comportare un acuto senso di drammatizzazione e comportamenti sessuali o provocatori inappropriati. Il disturbo narcisistico della personalità implica uno schema di comportamento grandioso con un senso esagerato di sé. Gli individui possono spesso valutare gli altri inferiori a loro.
La persona tende a credere di essere speciale e unica, richiede un’eccessiva ammirazione da parte degli altri, e mostrano poco a cercare di capire come si sentono le altre persone. Il disturbo evitante di personalità comporta un modello di comportamento con una maggiore inibizione sociale, che è spesso accompagnato dalla paura del rifiuto degli altri. Una persona con un disturbo dipendente di personalità mostra un modello di comportamento caratterizzato da eccessivo bisogno o appiccicosità, accompagnato da paure di separazione. Una persona con un disturbo ossessivo-compulsivo personalità mostra uno schema di comportamento di eccessiva ordinanza e perfezione ed è spesso inflessibile e rigido. L’individuo che ha questo disturbo ha difficoltà a scartare oggetti, anche se hanno poco valore.

Come si curano i disturbi di personalità?

L’esame diagnostico e la psicoterapia rappresentano l’intervento più accurato per una cura efficace dei disturbi di personalità

Fonti dell’articolo
American Psychiatric Association. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5®), American Psychiatric Publishing. 2013. ProQuest Ebook Central.

Contattami ora per prenotare la tua consulenza per i disturbi di personalità. Ricevo presso il mio studio a Varese.

 

Contatti

Lo studio

Piazza Giovine Italia, 4
21100 Varese

Invia una email

Reperibilità

Lun-Sab: 8- 18

Scrivimi

Non esitare a contattarmi per ricevere qualsiasi informazione, sarò lieto di rispondere alle tue domande.